Virus dell'influenza canina

Il virus dell’influenza canina (CIV) è un’infezione respiratoria virale. Ci sono stati due ceppi identificati del virus negli Stati Uniti: H3N8 e H3N2.

Questi virus sono considerati endemici negli Stati Uniti e ci sono stati casi di entrambi i ceppi in Oregon.

Trasmissione del virus

L’influenza canina è una malattia trasmessa per via aerea, proprio come la tosse del canile ( Bordetella bronchiseptica ).

Il virus altamente contagioso può viaggiare in goccioline da tosse o starnuti e può essere trasmesso dal contatto con oggetti contaminati (ad esempio un giocattolo da masticare o indumenti).

Se il tuo cane rimane a casa e raramente contatta altri cani, il rischio di contrarre il virus è probabilmente basso.

Tuttavia, i cani a stretto contatto con cani potenzialmente infetti in luoghi come canili, toelette, asili nido, rifugi e soccorsi sono ad aumentato rischio di infezione.

Anche i cani con malattie cardiache o polmonari preesistenti, alcuni cani anziani e razze brachicefale come i bulldog francesi possono essere a rischio.

Per questo motivo è importante adottare un cucciolo solo presso un allevamento qualificato che esegue le certificazioni sulla salute dei genitori (non comprate cuccioli da privati o da commercianti pseudo allevatori che acquistano cuccioli dall’est e li rivendono in Italia).

Se il tuo cane cucciolo, non dovrebbe andare in luoghi pubblici dove potrebbe contattare altri cani fino a quando il veterinario non acconsente all’uscita sicura del tuo cane.

Sintomi dell’influenza canina

I segni clinici più comuni sono tosse, perdita di appetito, letargia, febbre, starnuti e secrezione dagli occhi e / o dal naso. Questi sintomi possono essere molto simili alla tosse del canile (tracheite infettiva) e o ad altre infezioni respiratorie.

I cani possono ammalarsi entro 24 ore dall’esposizione. Alcuni cani non mostrano sintomi, ma sono in grado di infettare altri cani per settimane.

La maggior parte dei cani con diagnosi di influenza canina presenta una forma lieve della malattia.

Fino al 20% dei cani affetti, la malattia può diventare molto grave a causa della possibilità di un’infezione secondaria, come la polmonite.

Chiama il tuo veterinario se il tuo cane sviluppa una tosse, soprattutto se ha già ricevuto il vaccino Bordetella .

Se il tuo cane tossisce o mostra i suddetti sintomi, non portarlo in luoghi in cui potrebbe contattare / infettare altri cani.

L’intervento precoce è la chiave per limitare le epidemie di comunità.

Assicurati di informare il tuo veterinario se il tuo cane è stato imbarcato, arriva dall’estero, andato in toelettatura o coinvolto in attività sociali (dog park, asilo nido, ecc.) nell’ultimo mese.

Ricorda, la tosse può essere indicativa di una varietà di malattie o condizioni significative. Il tuo veterinario è il più qualificato per diagnosticare quadro clinico.

Trattamento del CIV

Simile al trattamento influenzale per le persone, i pazienti canini hanno bisogno di riposo, idratazione e trattamento per i loro sintomi.

Ciò potrebbe includere soppressori della tosse e stimolanti dell’appetito. Dovrebbero inoltre essere monitorati per le infezioni secondarie che potrebbero richiedere antibiotici.

Al fine di ridurre la possibilità di diffusione del virus, è meglio non ricoverare in ospedale i cani con influenza se possono essere curati in sicurezza a casa.

La CIV è raramente fatale ma può causare complicazioni nei cani molto giovani, molto anziani, che hanno un sistema immunitario indebolito o altri problemi di salute.

Prevenzione

Dopo aver maneggiato un cane malato, lavati le mani prima di toccarlo. Evitare il contatto con cani che sembrano ammalati.

I vaccini sono disponibili per entrambi i ceppi. Sono necessarie due dosi. Se il tuo cane va all’asilo o se prevedi di salire a bordo di un aereo, può essere raccomandata o richiesta la vaccinazione CIV.

Il vaccino per Bordetella non protegge i cani dall’influenza canina.

Parlate dei fattori di rischio specifici del cane con il veterinario per determinare se la vaccinazione contro l’influenza canina è appropriata per il proprio animale domestico.

Due varietà: H3N2 e H3N8

H3N2

Nel 2019, una manciata di casi di H3N2 sono stati diagnosticati in animali di salvataggio portati in Oregon da altri stati / paesi.

Oltre ai cani, è stato confermato che i gatti sono stati infettati dal virus H3N2; tuttavia, il rischio per la maggior parte dei gatti che vivono al di fuori dei rifugi è considerato basso, con il più alto fattore di rischio è l’infezione in un cane domestico, quindi la prevenzione delle malattie nei cani è la chiave per la salute di altri animali domestici.

Ci sono alcune prove che le cavie e i furetti possono essere infettati.

H3N8

Secondo il CDC (Centers for Disease Control), la prima prova dell’influenza canina H3N8 nei cani da compagnia è stata documentata nella primavera del 2005.

Si ritiene che abbia saltato specie da cavalli ed è stata identificata per la prima volta in uno scoppio di malattie respiratorie nei cani da corsa in Florida nel 2004.

H3N8 non colpisce i gatti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *