Cheratite superficiale cronica (CSK): cause, diagnosi e cure

La cheratite superficiale cronica (cheratite pannosa del cane) detta anche “panno corneale” è una condizione immuno-mediata che colpisce la cornea o la parte trasparente dell’occhio.

Ci sono alcune razze più predisposte a questa patologia, sopratutto le razze brachicefale come Bouledogue Francese, Boxer, Carlino, Boston Terrier, Pechinese, Cavalier King Charles Spaniel, Shar-pei, Lhasa Apso, Shih-Tzu, Dogue de Bordeaux, Bullmastiff.

Quali sono i segni clinici della cheratite superficiale cronica?

All’inizio, una massa rosa elevata e non dolorosa appare sulla cornea, più comunemente sul lato laterale o esterno (se immagini che l’occhio sia il quadrante di un orologio, la massa si troverà spesso tra le otto e le undici in punto posizione sull’occhio destro dell’animale o dalla posizione dall’una alle quattro sull’occhio sinistro).

Nei bouledogue francesi entrambi gli occhi sono generalmente colpiti, ma uno può apparire peggiore dell’altro.

La terza palpebra appare comunemente ispessita e infiammata. Con il progredire del panno corneale, la lesione si appiattirà e si espanderà, diventerà pigmentata o di colore scuro e le cicatrici si diffonderanno sulla cornea.

Può anche essere presente una secrezione mucoide. Nei casi avanzati, può verificarsi un danno visivo dovuto all’incapacità di vedere attraverso il pigmento scuro che copre la cornea.

Se la condizione non viene trattata, l’animale diventerà cieco.

Quali sono le cause della cheratite superficiale cronica?

Si pensa che la cheratite superficiale cronica sia una condizione ereditaria che si sviluppa con l’invecchiamento del cane.

Le razze brachicefale sono quelle più comunemente colpite, ma il panno corneale può essere presente in qualsiasi razza di piccola, media o grande taglia.

Fattori predisponenti come una maggiore esposizione alla luce ultravioletta, alte altitudini e fumo di sigaretta possono contribuire allo sviluppo del panno corneale e certamente possono esacerbare la condizione.

Come viene diagnosticata la cheratite superficiale cronica?

La diagnosi si basa sulla storia medica e sui segni clinici.

I test diagnostici comprendono la colorazione corneale con fluoresceina, il test della pressione intraoculare (IOP) e il raschiamento corneale o congiuntivale.

Molti di questi test vengono spesso eseguiti per escludere altre condizioni oculari.

Come viene trattata la cheratite superficiale cronica?

Il trattamento prevede l’uso di corticosteroidi topici (tipicamente prednisolone o desametasone) o altri farmaci immunomodulanti come la ciclosporina.

A volte può essere eseguita un’iniezione di steroidi sotto la congiuntiva. A volte sono necessari antibiotici nei casi che hanno sviluppato un’infezione secondaria.

A causa dell’influenza dell’illuminazione UV sul panno corneale, il veterinario potrebbe suggerire occhiali da sole per cani (Doggles®) per fornire una protezione extra

Il trattamento non curerà la condizione, ma arresterà la progressione e potrebbe invertire alcuni dei cambiamenti.

Il trattamento non curerà la condizione ma interromperà la progressione e potrebbe invertire alcuni dei cambiamenti.

Il trattamento del panno corneale è per la vita.

È importante che le istruzioni del veterinario siano seguite attentamente e che i farmaci vengano somministrati in modo coerente.

Controlli regolari e vigilanza sono indispensabili poiché la condizione spesso ricade per tutta la vita.

Qual è la prognosi per un cane con diagnosi di cheratite superficiale cronica?

La maggior parte dei casi risponde bene ai farmaci topici.

Alcuni cani richiedono il rinvio a un oftalmologo veterinario certificato per trattamenti più aggressivi.

Questa patologia dell’occhio può colpire anche altre razze come il Pastore Tedesco cucciolo dopo l’anno di vita e il Cane da Pastore Belga (Tervueren).

Nei casi più gravi, può essere raccomandato un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto cicatriziale associato al panno corneale per migliorare la visione dell’animale.

La mancata somministrazione dei farmaci raccomandati come prescritto può peggiorare la condizione.

Scarica la brochure: Il cane non vedente: approccio clinico, diagnostico e terapeutico

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *